16:00 - 16:30

20 Febbraio 2020

Tradizionale e digital native: la contaminazione è la chiave per il successo. Come integrare modelli di business tradizionali con gli approcci digitali. Growth hacking: un acceleratore di crescita

Anche nell’ambito della comunicazione le conversazioni, le teorie e gli approcci ai modelli di business si sono negli ultimi anni moltiplicati e sovrapposti, lasciando però molti vuoti e molti interrogativi. Forse perché la risposta giusta in assoluto non esiste e forse perché il nome del gioco è sperimentazione, trial&error, test&learn, piuttosto che non la semplice applicazione di modelli predefiniti.

La complessità e la fluidità che la digital trasformation ha causato rendono inappropriato un comportamento lineare e altamente pianificato e questo è soprattutto vero nel marketing e per i business marketing related o digital related.

Dopo alcuni anni di condanna dei modelli di business tradizionali a favore di quelli dei digital giants (Amazon, Google, Apple…) o delle start up, si stanno aprendo dei territori ibridi in cui si deve individuare come generare vero valore. E in un mondo sempre più connesso, ma anche sempre più conflittuale, spesso la chiave del successo sta nella contaminazione e nella cross-fertilization.
Must have: ascoltare, comprendere e sviluppare una visione chiara di dove si vuole andare, ma non aspettandosi un meccanismo binario, bensì un complicato algoritmo iterativo che richiederà tempo per essere risolto.

Come VMLY&R può contribuire ad affrontare queste sfide e proporre un approccio di comunicazione integrata per la crescita del vs business.

Simona Maggini CEO VMLY&R Italy

Simona Maggini

CEO | VMLY&R ITALY

Simona Maggini è una professionista della comunicazione con oltre 15 anni di esperienza, maturata sia in Italia che all’estero. Dopo l’unione a livello globale tra Young&Rubicam e VML, la manager è stata la forza trainante per la costruzione della reputation della nuova sigla VMLY&R in Italia, posizionata come un’agenzia specializzata in technology & brand experience. Ha ridisegnato la struttura organizzativa puntando sulla mission globale “creare connected brands”, organizzando una unit dedicata alla Customer Experience, basata sull’integrazione tra idee creative e tecnologie innovative, con il supporto di un team di Data Analyst.

20° Global Summit Marketing & Digital

19 e 20 febbraio 2020

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi