10:30 - 11:00

22 Febbraio 2018

In principio era il marchio. Un brand di successo richiede un marchio distintivo e memorabile

In un mondo sempre più digitalizzato, scritte, slogan e messaggi invadono la nostra quotidianità e diventano un sottofondo invisibile, non più capace di attirare la nostra attenzione.
Tutto questo, non vale per l’immagine.
L’immagine continua ad avere un forte potere narrativo e evocativo. Perché è il linguaggio della nostra mente. Un linguaggio innato che non richiede decodifica.
Ecco perché, nella progettazione di un marchio aziendale, la figurazione diventa una scelta strategica.

Chi non conosce la celebre Mela di Apple, il simbolo di ogni creativo in all-star e jeans? O il coniglietto di Playboy, l’icona di un mondo tutto rosa fatto di pon pon e ragazze in costume?
La risposta è: nessuno.
Il motivo del loro successo è semplice.
Un marchio figurativo parla al nostro “Io” più emotivo e sa comunicare oltre le parole. Afferma l’unicità della marca e rende il suo ricordo persistente nella memoria.
All’interno del marchio, il compito figurativo è affidato all’icona: un simbolo che evoca, identifica e cattura la mente del consumatore. Ed è a questo elemento che dedicheremo tutta la nostra attenzione.

Attraverso una rassegna di progetti targati cocchi&cocchi capiremo come nasce un’icona distintiva e memorabile, e qual è il suo valore all’interno di una strategia di branding.

Davide Cocchi Art Director cocchi&cocchi

Davide Cocchi

Art Director - cocchi&cocchi

Gloria e Davide Cocchi
Fratelli per caso. Soci per scelta.
Davide, maestro d’arte ed esperto in comunicazione d’impresa, opera come Art Director.
Nel 2006 hanno fondato insieme a Ivan (loro padre) la cocchi&cocchi, una delle prime branding agency nate in Italia e dedicata alla PMI. Da allora affiancano imprenditori e manager nella creazione di identità di marca distintive e memorabili.

23° Global Summit Marketing & Digital
22 | 23 FEBBRAIO 2023
ACCEDI QUI se sei registrato o ISCRIVITI