Marketing cafè

Ideare e comunicare nuovi prodotti è essenziale per la crescita dei brand

Al Global Marketing & Digital Summit, Marketing Blu porterà la sua testimonianza sull’importanza di saper creare nuovi prodotti rilevanti per i consumatori e sulla capacità di comunicarli in maniera coinvolgente.

Il mercato è cambiato: creare e comunicare nuovi prodotti è sempre più importante

Ci sono due osservazioni quasi opposte che sottolineano l’importanza dei nuovi prodotti e della capacità di comunicarli. Da un lato, i nuovi prodotti sono essenziali per la crescita dei brand esistenti – ma molto spesso i nuovi lanci falliscono. Dall’altro, i nuovi brand nati intorno a nuovi prodotti e nuove nicchie di mercato sono il principale motore della crescita nei consumer goods, molto più dei grandi brand.

La prima osservazione viene dalla ricerca BrandZ di Millward Brown: i brand più innovativi e che fanno tendenza sono quelli che crescono di più, il doppio della media industriale di Standard & Poor. Ma al contempo, una ricerca Nielsen indica che oltre il 70% dei lanci di nuovi prodotti fallisce, principalmente per l’incapacità di comunicare i loro benefici ai consumatori ma anche ai retailer.

La seconda considerazione viene da McKinsey: il 59% della crescita in Europa nel settore fast moving consumer goods proviene da piccoli brand, generalmente premium e in nuove nicchie di mercato. Solo il 15% viene dai brand di dimensioni medie, mentre i grandi brand tendono a calare. La marca privata rappresenta il 32% della crescita.

La diagnosi: la crescita dei nuovi brand e il fallimento di tanti lanci sono spesso risultato delle stesse tendenze

  1. La maggiore criticità dei consumatori, particolarmente nelle fasce più giovani, verso il modo tradizionale di comunicare e verso i prodotti di massa – specialmente nel food. Il desiderio di saperne di più dei prodotti, di confrontarsi con gli altri consumatori e di scegliere in maniera più cosciente cosa comprare e cosa no, mettono in crisi il modo tradizionale di lanciare e di comunicare i prodotti.
  2. La maggiore digitalizzazione di tutte le fasce di consumatori, l’abitudine comune alla ricerca sul web non fidandosi della sola comunicazione pubblicitaria, la crescente importanza degli aspetti di servizio e di personalizzazione, che molti brand soprattutto di nicchia stanno dando, richiede nuove competenze per lo sviluppo e la comunicazione dei prodotti.
  3. La crescita dell’E-commerce e le continue difficoltà dei mass retailer. Da un lato, l’E-commerce – spesso vissuto con difficoltà dalle aziende/brand tradizionali – permette anche brand nuovi e piccoli di diventare visibili e raggiungere i consumatori. Dall’altro l’uso di questo canale pone ancora più pressione sul retail tradizionale che deve essere sempre più stretto e rigoroso sulla gestione e riduzione delle referenze e dell’inventario, rendendo i nuovi lanci sempre più difficili.

La soluzione: un nuovo approccio alla value proposition e alla sua comunicazione

Ai consumatori non importa del vostro prodotto, ma dei benefici tangibili e emotivi che il suo uso offre loro. Quindi la comunicazione deve focalizzarsi sui benefici e non sul prodotto. Ma non basta. Perché i consumatori cercheranno informazioni più obbiettive e approfondite, spesso non generate direttamente dalle aziende e dai brand, per valutare e decidere cosa acquistare.

Per guidare lo sviluppo della comunicazione – e anche del prodotto stesso – occorre avere chiari i 4 aspetti che costituiscono la “storia di vendita” o concetto del prodotto:

  1. Il best customer, la buyer persona per cui l’esigenza e il problema che il prodotto risolve sono particolarmente importanti. Questa persona sarà l’early adopter, più sensibile al vostro messaggio e che aiuterà la diffusione del prodotto e del brand. Soprattutto per medie e piccole imprese, non è più così produttivo sviluppare prodotti di massa: occorre focalizzarsi su esigenze e nicchie specifiche che poi si possano espandere.
  2. La value proposition, l’espressione sintetica e convincente dei benefici che la buyer persona otterrà dall’uso del prodotto. Essa deve essere la risposta alla sua esigenza o problema specifico, al suo “job to be done (lavoro da fare)” per il quale cerca una soluzione. Essere focalizzati sul cliente, non sul prodotto, è essenziale per sviluppare la value proposition giusta.
  3. I “pain point” superati, quali sono le negative e le limitazioni dei prodotti e delle soluzioni esistenti che vengono risolte dal nuovo prodotto. Capire i pain point è essenziale per guidare le attività di confronto con i prodotti esistenti.
  4. Le caratteristiche del prodotto che supportano la promessa, ogni brand parte da una storia forte e convincente ma alla storia deve seguire la sostanza. Cosa fa di meglio e di diverso il prodotto per mantenere le promesse fatte nella value proposition? Mentre la value proposition guiderà soprattutto lo sviluppo dell’advertising, per sviluppare contenuti rilevanti soprattutto sul web, occorre avere argomenti a supporto reali e ben spiegati. Normalmente servono 3-4 caratteristiche concrete da comunicare a supporto della value proposition e coerenti con i valori del brand.

Se questi aspetti sono chiari risulterà molto più facile:

  • Sviluppare la creatività che servirà ad attrarre i consumatori e a farli avvicinare al brand e ai suoi prodotti
  • Produrre i contenuti necessari ad una forte presenza web e sull’e-commerce che permetta anche ai consumatori più critici di valutare e confrontare il prodotto e di supportare il suo premium
  • Convincere anche i retailer tradizionali dell’importanza del nuovo prodotto per supportare la rilevanza e l’ampiezza della loro offerta ai clienti e contribuire ai loro margini
  • Generare anche all’interno dell’azienda il convincimento, la coesione e l’entusiasmo che sono alla base di un lancio di successo

Quanto è forte la storia di vendita del vostro prodotto?

Anche se non sarà la soluzione di tutti i problemi, è comunque il punto di partenza per uno sviluppo strategico e efficace di tutte le attività di comunicazione e commerciali.

Parliamone insieme al Global Summit. Saremo presenti anche con un intervento su questo tema importantissimo.

Comunicati

20° Global Summit Marketing & Digital

19 e 20 febbraio 2020

ISCRIVITI

Questo sito utilizza cookie di profilazione di terze parti. Proseguendo la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Il consenso può essere espresso anche cliccando sul tasto Accetto. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi